Cosa cerca chi parte con noi? La video intervista a Marcella, viaggiatrice Apatam

By in
227
Cosa cerca chi parte con noi? La video intervista a Marcella, viaggiatrice Apatam

In questo articolo vi avevamo già parlato di come scegliere un tour operator per i viaggi organizzati e del perché, secondo noi, valutare solo in base al prezzo non sempre ripaga le aspettative. Lo abbiamo ribadito rispondendo al commento di Bruno (potete leggerlo in fondo a questo articolo) che, confrontando i nostri prezzi con quelli di altri operatori, ha notato giustamente la differenza.

Per noi è scontato ma ci rendiamo conto che non lo è per le persone che non ci conoscono, quindi vale la pena spiegarlo ancora. Come filosofia proponiamo solo viaggi  “tutto compreso”, con strutture di buon confort, completi di hotels, pasti, trasporti visite ingressi voli assicurazioni e tutto quello che può rendere il viaggio facile al cliente finale. Per questo i nostri clienti ci scelgono, perché sanno che se partono con Apatam viaggiano tranquilli.

Quel qualcosa in più che ti viene offerto

Marcella è una storica viaggiatrice Apatam e ha voluto condividere con noi la sua esperienza. Occhi vispi e sorriso contagioso, così si presenta per la sua video intervista e alla domanda “cosa diresti a chi non viaggia?”  Risponde secca: “hai perso metà della tua vita a non viaggiare. Io più viaggio, più ne sento la nostalgia.”

Marcella ci conosce bene, con noi ha fatto diversi viaggi: “Il primo viaggio con Apatam è stato la Libia mediterranea, il secondo la Libia del deserto. Sono arrivata proprio ai confini sud della Libia, ho visto tanti posti meravigliosi, ma credo che quel deserto e quei resti archeologici della Libia mediterranea mi rimarranno nel cuore. Viaggio solo con Apatam, perché mi sento a mio agio e anche se trovassi un bel viaggio da fare andrei comunque da Paolo per chiedergli di organizzarlo, perché Apatam fa anche questo.

E continua il racconto…

Parto sempre tranquilla nei miei viaggi e se c’è qualcuno di Apatam sono ancora più contenta. Ad esempio, avere Giovanna o in altri casi Giuliana o Tiziano nel viaggio in Libano, voleva dire che in qualsiasi momento avessi avuto anche la cosa più sciocca, come non riuscire a chiamare l’Italia, avrei avuto comunque l’assistenza in loco. È qualcosa in più che ti viene offerto, hai sempre qualcuno su cui hai la sicurezza di poter contare.”

Marcella, come tanti viaggiatori, non si accontenta di visitare un solo posto. È guidata dalla curiosità e dalla voglia di condividere con gli altri ciò che ha scoperto là fuori nel mondo.

“Quest’anno uno dei miei sogni si è avverato ed è stato Petra, il prossimo sogno è Cuba. Ma il sogno che ho da un po’ è quello di portare a Petra mio nipote, che ha solo 12 anni.

E voi, qual è la meta che sognate di vedere e con chi vi piacerebbe condividere il viaggio? Raccontatecelo nei commenti alla fine dell’articolo!

Nel frattempo, potete guardare la video intervista di Marcella qui sotto. Buona visione!

Messaggia su Messenger Messaggia su WhatsApp
54321
(0 votes. Average 0 of 5)
2 Commenti
  1. SI tutto vero, peccato che fare un viaggio con Voi come con Tucano Kel 12 Maurizio Levi bisogna fare un mutuo!!!!Si parte da una base gia’alta e poi e’tutto un aggiungere fino ad arrivare come minimo a 5000 euro!!!!Io fly and drive con 5000 euro ne faccio 2 di viaggi, permettetemi……Io con Voi ho fatto solo un viaggio nel 2007 Georgia e Armenia gia’caro proporzionalmente rispetto ad altri tour operatoria ora i vs.prezzi sono inaccessibili!!!!!Cari saluti Bruno Avere

    1. Gentile Bruno,
      la ringrazio del commento e Le rispondo molto volentieri.

      In primis vorrei farle notare che i prezzi di Apatam da ormai 20 anni non sono come quelli degli altri operatori che cita nel suo commento.
      Se riceve i nostri cataloghi avrà sicuramente notato che indichiamo un prezzo finito già incluso di TASSE/VISTI/ASSICURAZIONI.
      Non si aggiunge altro. Quello che è indicato si paga SENZA SORPRESE.

      Il costo dei viaggi di gruppo sono cari. Verissimo.
      Che con quelle cifre Lei riesce a fare due viaggi fai da te. Verissimo.

      Ma ci mancherebbe altro.

      Lei da solo acquista voli, hotels, trasporti, forse le guide.
      Non pensa che in quello che offriamo noi e altri operatori ci sia altro nel costo del pacchetto che non si vede alla prima occhiata?
      Gliene elenco solo qualcuno:

      – una consulenza prima della partenza che risponde a qualsiasi sua esigenza (nel limite del possibile).
      – Spesso un accompagnatore qualificato dall’Italia. In alternativa una guida-accompagnatore in italiano in loco.
      – Un’organizzazione locale che le consente di non pensare ad altro che a godersi il viaggio.
      – Un punto di riferimento locale durante il viaggio a cui rivolgersi in caso di necessità.
      – 2 numeri di telefono di reperibilità in Italia a cui rivolgersi 24 ore su 24 per qualsiasi cosa.
      – Un’assicurazione annullamento viaggio che le permette di rinunciare al viaggio per motivi di salute e riavere quello che ha speso.
      – Un’assicurazione di Responsabilità civile che la indennizza per incidenti/infortuni occorsi durante il viaggio.
      – Un’assicurazione che non la lascia a piedi durante il viaggio nel caso di eventuali fallimenti della nostra società o dei nostri operatori locali.

      Credo che queste cose abbiamo un valore aggiunto che purtroppo va a incidere sui prezzi.

      Poi abbiamo una struttura che è la nostra piccola impresa che ha dei costi quali: affitti, impiegati, costi pubblicitari, luce, telefono riscaldamento ecc.
      E anche i corrispondenti in giro per il mondo hanno gli stessi nostri costi.
      Vorrei aggiungere anche la nostra professionalità….

      La ringrazio per avermi dato la possibilità di spiegare il perché i viaggi organizzati sono costosi e Le faccio i miei migliori auguri per i suoi prossimi viaggi.

      Paolo Pretelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *