Cuba Perla dei Caraibi Inverno

Verso il Sud America, alla scoperta di Cuba

Perla dei Caraibi
dal 17 novembre al 2 dicembre 2018 e dal 2 febbraio al 17 febbraio 2019
da € 3.800

Cuba sorprende il viaggiatore con spontanea genuinità. Meraviglia della natura, scalo obbligato verso il Nuovo Mondo, perla dei Caraibi, ma anche scenografia d'elezione per figure di grande carattere.

I nostri itinerari sono pensati per piccoli gruppi e prevedono un accompagnatore dall’Italia o una guida in loco che farà da cicerone. Scarica l’itinerario in pdf
Itinerario di viaggio
Partenze di gruppo il 17 novembre 2018 e il 2 febbraio 2019

1° giorno: Roma/L’Avana
Partenza da Roma-Fiumicino per L’Avana con volo di linea. Arrivo a L’Avana in serata e trasferimento in hotel.

2° giorno: L’Avana
Mattinata dedicata alla visita della città, la più grande dei Caraibi. I monumenti di maggiore interesse sono: la Piazza della Cattedrale, la Piazza delle Armi, la Piazza di San Francisco di Asis e la Piazza Vecchia. Nel pomeriggio visita panoramica del Capitolio, del Parco Central, della Piazza della Rivoluzione e del Cimitero di Colon. Visita del Museo del Rum (se aperto). Di sera si assiste alla Cerimonia del Canonazo.

3° giorno: L’Avana/Cienfuegos/Trinidad
Partenza per Trinidad e sosta a Cienfuegos per il tour panoramico della città. Visita al Teatro Terry, uno dei più famosi edifici della città.

4° giorno: Santa Clara
Escursione a Santa Clara. Si visiterà la Piazza della Rivoluzione dove si trovano il Mausoleo di Che Guevara e il Monumento del Treno Blindato. 

5° giorno: Trinidad
Mattino visita di Trinidad, città museo incastonata tra il mare e la montagna. Sono previste una sosta nel Bar “Canchànchara”, nella Casa del Alfarero e la visita al Museo Romantico. Nel pomeriggio si percorrerà la Valle San Luis, più conosciuta come El Valle de Los Ingenios (valle degli zuccherifici). Lungo il percorso si possono vedere le rovine degli zuccherifici del XIX secolo.

6° giorno: Trinidad/Sancti Spiritus/Camaguey
Partenza per Camaguey e sosta a Sancti Spiritus. Arrivo a Camaguey e visita panoramica della città.

7° giorno: Camaguey/Las Tunas/Bayamo/Santiago di Cuba
Partenza per Bayamo e sosta a Las Tunas, dove un tempo si svolgeva il mercato del bestiame. Passeggiata nel centro città. Continuazione per Bayamo e visita panoramica della città. Passeggiata nel centro e visita del Museo Cespedes.

8° giorno: Santiago di Cuba
Visita di Santiago e del Castello di Morro all’interno del quale si trova il Museo della Pirateria. Visita alla Caserma Moncada, luogo dell’assalto del 26 luglio 1953 messo in atto da un gruppo di ribelli guidati da Fidel Castro. Visita del centro storico, con la caratteristica Piazza della Cattedrale e il Parque Central Carlos Manuel de Céspedes. Visita alla Casa di Diego Velásquez e al Cimitero di Santa Ifigenia.

9° giorno: Santiago di Cuba/Guantanamo/Baracoa
Partenza per Baracoa e visita della cittadina di Guantanamo. Sosta nel Mirador de Malones. Proseguimento per Baracoa, tipica cittadina coloniale situata su un promontorio. Visita della cittadina, passeggiata nel centro storico e visita del Forte Matachin.

10° giorno: Baracoa/Santiago di Cuba
Rientro a Santiago e sosta alla Finca Duaba per una dimostrazione delle coltivazioni tradizionali: cocco, cacao, banane, mango e caffè. Giro in Cayuca, una caratteristica barca locale.

11° giorno: Santiago di Cuba/Holguin/Guardalavaca
Partenza per Guardalavaca e sosta a Holguìn per la visita panoramica della città e della Loma de la Cruz, una collina su cui si erge una croce e da cui si può ammirare il panorama sulla città.

12° giorno: Guardalavaca
Giornata a disposizione per il soggiorno balneare.

13° giorno: Guardalavaca/Holguin/L’Avana
Trasferimento all’aeroporto di Holguin e partenza in aereo per L’Avana.Tempo libero a disposizione.

14° giorno: Pinar del Rio e Vinales
Escursione nella provincia di Pinar del Rio dove si coltiva il famoso tabacco cubano. Sosta per una passeggiata nella cittadina coloniale di Pinar del Rio. Si attraversa la Valle di Viñales circondata dai “Mogotes”. Visita del Murale della Prehistoria, della Cueva del Indio e della Casa del Veguero. Sosta al belvedere Mirador de los Jazmines.

15° giorno: L’Avana/Roma
Proseguimento della visita di L’Avana con il “Tour di Hemingway”. Si toccano i luoghi più importanti che frequentava lo scrittore durante i suoi soggiorni nella città, compresa la Finca Vigía, due piccoli bar (il Floridita e La Bodeguita del Medio) e Las Terrazas, un tempo bar di un pescatore, dove Hemingway ormeggiava la sua barca. Trasferimento in aeroporto e partenza per L’Italia con volo di linea.

16° giorno: Roma
Arrivo a Roma-Fiumicino nel primo pomeriggio.

Risposte alle domande più frequenti

Occorre il passaporto con 2 pagine libere e valido almeno 6 mesi dalla data di partenza. Occorre inviare la copia della pagina dove sono indicati i dati anagrafici e la foto. E’ necessario il visto d’ingresso di cui si occupa il nostro ufficio.

Non vi sono vaccinazioni obbligatorie; consigliamo l’antitifica e l’antitetanica. Per eventuali vaccinazioni o profilassi consigliamo di consultare il proprio medico curante o di rivolgersi agli uffici sanitari competenti. Ricordiamo di portare medicinali d’uso personale, oltre alle solite aspirine e disinfettanti intestinali. E’ bene durante il viaggio mangiare cibi ben cotti e sbucciare frutta e verdure e soprattutto bere solo acque e bibite imbottigliate.

Per la classe economica la franchigia è la seguente: da cabina 1 bagaglio com misure di 56cm x 45 cm x 25cm; Per il bagaglio da stiva, la franchigia è di 1 collo da 23 kg. Per maggiori dettagli e chiarimenti potete consultare il sito ufficiale dell’Iberia www.iberia.com. A seguito delle nuove norme (entrate in vigore il 6 novembre 2006) riguardanti il contenuto del bagaglio a mano, i passeggeri potranno trasportare soltanto piccole quantità (max. 100 ml per contenitore) di liquidi, gel e gas all’interno del loro bagaglio a mano. L’imballaggio di tali prodotti deve inoltre soddisfare specifici requisiti.

I nostri viaggi sono adatti a tutte le età, ma particolarmente apprezzati dai viaggiatori più maturi dai 50 anni in su.

  • Volo di linea andata e ritorno in classe turistica
  • Tasse aeroportuali (incluse € 400 )
  • Trasferimenti da e per gli aeroporti a Cuba
  • Trasporti 
  • Hotel come da programma 
  • Camera doppia con servizi
  • Pasti come da programma
  • Visite con guida 
  • Accompagnatore dall’Italia con 10 paganti
  • Ingressi
  • Visto
  • Assicurazione medico – annullamento viaggio
  • Eventuali tasse locali
  • Spese personali
  • Acqua e bevande
  • Mance
La polizza assicurativa che inviamo prima del viaggio comprende l’assistenza medica e l’annullamento del viaggio. Leggi le condizioni assicurative complete cliccando quì

-5  ore (- 6 ore quando in Italia vige l’ora legale)

I programmi sono generalmente rispettati, tuttavia gli itinerari culturali come questo non rientrano nei classici percorsi turistici di massa e possono subire improvvisi cambiamenti e ritardi nelle visite. Purtroppo questa situazione si è accentuata dopo la cessazione dell’embargo degli Stati Uniti, aumentando l’afflusso turistico nell’isola. Dal punto di vista turistico Cuba è ancora molto arretrata, le strutture alberghiere sono poche e non sempre rispecchiano i nostri canoni di pulizia. I trasferimenti via terra possono risultare lunghi e faticosi a causa dei mezzi di trasporto, delle condizioni delle strade e dei limiti di velocità imposti dalla legge. Infine, i voli interni possono variare o essere annullati senza preavviso in qualunque momento. Se ciò dovesse avvenire, il corrispondente locale provvederà a risolvere il problema nel miglior modo possibile. Serve pazienza e soprattutto un buon spirito di collaborazione e adattamento.

Il tenore di vita a Cuba è modesto anche da punto di vista delle sistemazioni alberghiere che risultano essere spartane e con  servizi essenziali. La classificazione alberghiera riportata non sempre corrisponde ai canoni europei. Gli alberghi migliori possono essere requisiti dal governo, senza preavviso, per ogni evento di carattere pubblico. Purtroppo, per esperienze passate, gli alberghi possono essere sostituiti in loco con sistemazione anche di categoria inferiore. In questo caso il nostro corrispondente locale, valuterà la migliore sistemazione alternativa disponibile.
Gli alberghi previsti sono i seguenti:

  • L’Avana: Panorama 4 stelle
  • Trinidad: Brisas Trinidad del Mar 3 stelle
  • Camaguey: E Santa Maria 3 stelle
  • Santiago De Cuba: Gran Hotel 3 stelle
  • Baracoa: El Castillo 3 stelle
  • Guardalavaca: Brisas Guardalavaca 4 stelle

La cucina cubana è tipicamente caraibica. Troviamo riso con fagioli neri serviti con pollo, oppure pesce cucinato alla brace o al forno. I pasti sono generalmente monotoni e ripetitivi, pertanto a chi non ama questo tipo di cucina, consigliamo di portare in viaggio qualcosa per variare o integrare la cucina locale, ad esempio qualche scatoletta di tonno o carne, cracker e formaggini.  Le bevande e l’acqua non sono comprese.

Il clima è di tipo tropicale e fortemente influenzato dalle brezze degli alisei, con un buon tasso di umidità presente durante tutto l’anno. Da novembre a febbraio il periodo è fresco e secco. Le temperature diurne oscillano tra i 26-29 gradi. La notte è più fresco con temperature attorno ai 18-22 gradi. Generalmente in questo periodo non piove, ma non si possono escludere precipitazioni, in particolar modo la sera e durante la notte. Queste sono indicazioni di massima che generalmente rispecchiano gli standard del periodo, tuttavia negli ultimi anni in molti paesi, Cuba compreso, si verificano cambiamenti climatici improvvisi e imprevedibili. Qualche giorno prima della partenza consigliamo di consultare il sito www.worldweather.org dove cliccando sul Paese sono indicate le temperature effettive del periodo.

Consigliamo di portare abiti informali e comodi. Per il viaggio, durante il giorno vanno bene capi in fibre naturali (cotone e lino), per la sera e per gli ambienti con aria condizionata consigliamo qualche capo più pesante, giacca o maglioncino. Ricordiamo di portare in viaggio scarpe comode, copricapo, un impermeabile leggero o un ombrello, occhiali da sole, costume da bagno e tutto l’occorrente per il soggiorno mare.

La lingua ufficiale della Repubblica di Cuba è lo spagnolo e, dato l’alto livello di educazione della popolazione, l’uso dello spagnolo è corretto e con un ampio vocabolario ricco di parole ed espressioni cubane.Una buona parte della popolazione inoltre parla anche inglese.

Sull’isola caraibica vige un sistema di cambio a doppia moneta. C’è il CUP, che è il peso cubano non convertibile, e il CUC, che è rivolto prevalentemente ai turisti.

Le mance sono in genere “facoltative”, ma ormai fanno parte di una “consuetudine” adottata da tutti i paesi, quindi ben accette da guide, autisti e facchini. Una prassi coercitiva ma che si spiega e si giustifica, in parte, con il fatto che le guide sono quasi sempre dei “free-lance” che non ricevono uno stipendio fisso e integrano la loro diaria con le mance dei viaggiatori. Piccole somme sono in genere previste anche per i facchini e camerieri. Per il tour consigliamo di raccogliere ad inizio viaggio circa 5 euro a persona al giorno da suddividere tra guida ed autisti.

Non vi sono limitazioni nel portare materiale fotografico purché non sia di tipo professionale. Consigliamo di portare tutto l’occorrente dall’Italia, poiché sul posto è reperibile materiale di scarsa qualità e comunque costoso.

Il voltaggio varia dai 220/110 volt. Le prese sono di vario tipo. Consigliamo di portare in viaggio un adattatore universale.

Contatti

Siamo a disposizione per ogni informazione e/o chiarimento sui programmi di viaggio. Ci piace avere un rapporto diretto con le persone e da sempre la nostra politica è vendere i viaggi direttamente, senza intermediari.
Potete scriverci un messaggio o chiamare direttamente il nostro ufficio di Urbino. Se preferite potete anche scriverci una mail a info@apatam.it

Chi siamo

Siamo un Tour Operator con sede a Urbino, ci chiamiamo Apatam come il nome della tettoia al centro dei villaggi dell’Africa occidentale. Lo abbiamo scelto per ricordare lo spirito dei nostri viaggi, quello di conoscere il mondo e di far sì che attraverso il viaggio si possano condividere con gli altri le proprie esperienze ed emozioni.
La nostra storia inizia quarant’anni fa, dal 1980 organizziamo viaggi culturali alla scoperta del mondo.

Il gruppo facebook dei viaggiatori Apatam

Iscriviti al gruppo @viaggiatoriapatam e incontra nuovi compagni di viaggio!

Entra nel gruppo!