Il Rajasthan Estate

Verso l’India, alla scoperta del Rajasthan

dal 12 agosto al 24 agosto 2018
da € 2.200

Un viaggio tra i mattoni rossi della Vecchi Delhi e i grandi edifici di Nuova Delhi, tra i riflessi cangianti de Il Taj Mahal e le architetture rosa di Jaipur.

I nostri itinerari sono pensati per piccoli gruppi e prevedono un accompagnatore dall’Italia o una guida in loco che farà da cicerone. Scarica l’itinerario in pdf
Itinerario di viaggio
Partenza di gruppo il 12 agosto 2018

1° giorno: Milano/Francoforte/Delhi
Partenza da Milano-Malpensa per Delhi via Francoforte con volo di linea. Arrivo e trasferimento in hotel.

2° giorno: Delhi
Giornata dedicata alla visita della Vecchia e Nuova Delhi. A Vecchia Delhi visita del Rajghat, della Jama Masjid, del Chandni Chowk. A Nuova Delhi visita del Qutub Minar e della Tomba di Humayun, con una panoramica della strada reale Rajpath, poi visita dell’India Gate, del Parlamento e del quartiere delle ambasciate.

3° giorno: Delhi/Sikandra/Agra
Partenza per Agra e sosta a Sikandra per visitare la tomba dell’imperatore Akbar. Arrivo ad Agra e sistemazione in hotel. Il pomeriggio è dedicato alla visita della città e del famoso Taj Mahal, il complesso monumentale in marmo bianco, capolavoro dell’arte islamica, considerato una delle sette meraviglie del mondo.

4° giorno: Agra/Fathepur Sikri/Jaipur
Partenza per Jaipur e sosta a Fathepur Sikri per la visita della famosa città morta fondata dall’imperatore Akbar nel 1571. Proseguimento del viaggio verso Jaipur.

5° giorno: Jaipur e Amber Fort
Al mattino, escursione ad Amber Fort. La cittadella antica, labirinto di mura e torri massicce, avvolge un raffinato palazzo sostenuto e intagliato con un milione di minuscoli specchi. Rientro a Jaipur. Il pomeriggio è dedicato alla visita della città e del Hawa Mahal, del Palazzo dei venti (dall’esterno) e dell’osservatorio astronomico, anche conosciuto come Jantar Mantar.

6° giorno: Jaipur/Bikaner
Partenza per Bikaner, la città del deserto sorta sulle vecchie rotte carovaniere che andavano dall’Africa all’Asia orientale. Il palazzo e lo splendido forte si trovano all’esterno delle mura. Il pomeriggio è dedicato alla visita della città, con il forte Junagarh, il tempio jainista Bhandasar, il tempio Jormal e la cappella reale nota come Tar Mandir. 

7° giorno: Bikaner/Jaisalmer
Al mattino partenza per Jaisalmer, la città costruita nel XII secolo e legata al romantico silenzio del deserto del Thar. Arrivo, sistemazione in hotel e tempo libero a disposizione.

8° giorno: Jaisalmer
Intera giornata dedicata alla visita di Jaisalmer che, costruita in arenaria gialla, sembra uscita dalle Mille e Una Notte. Visita del Palazzo del maharaja, della Fortezza e di alcune haveli, palazzi finemente decorati che si trovano all’interno della città. Nel pomeriggio escursione in cammello sulle dune di sabbia del deserto Sam.

9° giorno: Jaisalmer/Jodhpur
Partenza per Jodhpur, ai confini del deserto del Thar. Nel pomeriggio, visita della città, del maestoso Meheran-garh Fort e del Jaswant Thada.

10° giorno: Jodhpur/Ranakpur/Monte Abu
Partenza per Monte Abu. Sosta lungo il percorso per la visita di Ranakpur che, con i suoi magnifici templi, forma uno dei più grandi complessi jainisti dell’India.

11° giorno: Monte Abu/Udaipur
Tempo libero e visita di Monte Abu, dei templi jainisti e del lago Nakki. Al termine delle visite partenza per Udaipur, la bella città dei laghi, palazzi e fontane, ribattezzato la “Venezia d’Oriente”. I tre laghi di Udaipur: Pichola, Fateh Sagar e Udai Sagar sono brillanti gioielli.

12° giorno: Udaipur/Delhi
Visita di Udaipur, “la Perla del Rajasthan”. Gita in barca sul Lago Pichola sul quale si erge lo splendido City Palace, il più grande palazzo del Rajasthan. All’interno ospita un museo con ricchi mosaici e bellissime decorazioni in vetro e specchi. Nel pomeriggio, trasferimento in aeroporto e partenza in aereo per Delhi.

13° giorno: Delhi/Monaco/Milano
Partenza subito dopo la mezzanotte con volo di linea per Milano, via Monaco. Arrivo a Malpensa nella tarda mattinata.

Risposte alle domande più frequenti

Occorre il passaporto valido almeno 6 mesi dalla data di partenza con almeno 2 pagine libere. Occorre inviare una copia a COLORI della pagina dove sono indicati i dati anagrafici e la foto. E’ necessario il visto d’ingresso per l’India di cui si occupa il nostro ufficio.

Non ci sono vaccinazioni obbligatorie. E’ consigliata l’antitifica e l’antitetanica. Per eventuali altre vaccinazioni o profilassi consigliamo di consultare il proprio medico curante o rivolgersi presso gli uffici sanitari competenti. Ricordiamo di portare in viaggio i medicinali ad uso personale, oltre ad aspirine, disinfettanti intestinali e bronchiali. E’ bene evitare di mangiare cibi crudi o poco cotti, sbucciare frutta e verdure e bere solo bevande sigillate.

La franchigia è di 1 collo da 20 kg per il bagaglio da stiva e 1 collo da 8 kg per il bagaglio da portare in cabina (55 cm x 35 cm x 25 cm).

 

I nostri viaggi sono adatti a tutte le età, ma particolarmente apprezzati dai viaggiatori più maturi dai 50 anni in su.

  • Volo di linea andata e ritorno in classe turistica
  • Tasse sul biglietto aereo (incluse € 350)
  • Trasferimenti da e per gli aeroporti in India
  • Trasporti
  • Hotel come da programma
  • Camera doppia con servizi
  • Pasti come da programma
  • Visite con guida – accompagnatore locale in italiano
  • Ingressi
  • Visto
  • Assicurazione medico – annullamento viaggio
  • Eventuali tasse locali
  • Spese personali
  • Acqua e bevande
  • Mance
La polizza assicurativa che inviamo prima del viaggio comprende l’assistenza medica e l’annullamento del viaggio. Leggi le condizioni assicurative complete cliccando quì

+ 4 ore e mezza  ( +3 ore e mezza quando in Italia vige l’ora legale)

La classificazione alberghiera indicata va rapportata ai canoni locali, la quale non sempre corrisponde ai nostri canoni di pulizia. Pertanto si richiede un buon spirito di adattamento. Informiamo che le sistemazioni migliori possono venire requisite dal Governo Indiano senza preavviso per ogni evento di carattere pubblico. In tal caso il nostro corrispondente locale valuterà la migliore sistemazione alternativa disponibile.
Di seguito gli alberghi previsti:

  • Delhi: Siddarth 4 stelle
  • Agra: Clarcks Shiraz 4 stelle
  • Jaipur: Ramada 4 stelle
  • Bikaner: Laxmi Niwas Palace Heritage
  • Jaisalmer: Rang Mahal 4 stelle
  • Jodhpur: Ranbanka Palace Heritage
  • Monte Abu: Palace Hotel Heritage
  • Udaipur: Ramada Resort 4 stelle
  • Delhi: Pride Plaza Aerocity 4 stelle

E’ previsto il trattamento di mezza pensione (prima colazione e cena). La sosta per il pranzo verrà organizzata in loco con l’assistenza della guida locale e generalmente sarà previsto in ristorante. I pasti in India sono prevalentemente di tipo orientale-indiano, spesso monotoni, ripetitivi e speziati. Pertanto a chi non ama particolarmente questo tipo di cucina, consigliamo di portare in viaggio qualcosa sia per variare che integrare la cucina locale come ad esempio delle scatoletta di tonno o carne, cracker e formaggini. 

In agosto il clima in Rajasthan è estivo. Giornate calde con possibilità di precipitazioni. In particolare la sera e durante la notte può aumentare la percentuale di umidità. Le temperature durante il giorno si aggirano sui 30/34 gradi, mentre la sera sui 22/26 gradi. Queste sono indicazioni di massima che generalmente rispecchiano gli standard del periodo, tuttavia negli ultimi anni in molti paesi, India compresa, si verificano cambiamenti climatici improvvisi e imprevedibili. Pochi giorni prima della partenza consigliamo di consultare il sito web www.worldweather.org. Sulla pagina iniziale selezionare India per trovare l’elenco delle varie città dove sono indicate le temperature aggiornate del periodo.

Consigliamo abiti informali e comodi. Vanno bene capi leggeri in fibre naturali come il cotone o lino per il giorno e qualche capo più pesante (giacca o maglioncino) per gli ambienti con aria condizionata. Consigliamo di portare in viaggio un copricapo, occhiali da sole, un impermeabile leggero tipo K-Way o un ombrello e scarpe comode. Ricordiamo che nei templi indiani si entra senza scarpe.

In India esistono 18 lingue ufficiali e oltre 1.600 dialetti derivati. L’hindi è la lingua più parlata. Nella valle del Kashmir gli abitanti parlano il kashur, un miscuglio di sanscrito, persiano, arabo, hindi, dogra, turco e anche tibetano. Nello stato di Jammu le lingue principali sono il dogra, l’hindi, il punjabi, e l’urdu. Il ladakhi è la lingua più diffusa nella regione del Ladakh. L’inglese rimane la lingua più utilizzata per comunicare in tutto il paese.

La moneta ufficiale è la Rupia Indiana (1 Euro = 72,47 Rupie Indiane circa aggiornato al 5 giugno). Consigliamo di portare in viaggio Euro con banconote di piccolo taglio. Ad ogni modo, in India accettano e cambiano in moneta locale sia Euro che Dollaro USA. Per quanto riguarda le carte di credito, in genere vengono accettate nei maggiori alberghi e negozi. Mentre nei mercati e ristorantini è meglio avere contanti. La guida locale vi darà indicazioni precise e vi potrà assistere nei cambi.

Le mance sono in genere “facoltative”, ma ormai fanno parte di una “consuetudine” adottata da tutti i paesi, quindi ben accette da guide, autisti e facchini. Una prassi coercitiva ma che si spiega e si giustifica, in parte, con il fatto che le guide sono quasi sempre dei “free-lance” che non ricevono uno stipendio fisso e che integrano la loro diaria con le mance dei viaggiatori. Si ritiene che possa essere utile per un miglior svolgimento del viaggio. In considerazione ai viaggi precedenti, si consiglia di prevedere circa 5 Euro a persona al giorno.

E’ bene portare tutto il materiale dall’Italia, poiché nelle zone visitate di solito è reperibile solo materiali di scarsa qualità. Informiamo che in alcuni templi viene richiesto il pagamento di un supplemento per macchine fotografiche e telecamere.

La corrente è di 220 volt a 50 Hz. Le prese di tipo europeo: a due buchi circolari. Può essere utile un adattatore universale.

Contatti

Siamo a disposizione per ogni informazione e/o chiarimento sui programmi di viaggio. Ci piace avere un rapporto diretto con le persone e da sempre la nostra politica è vendere i viaggi direttamente, senza intermediari.
Potete scriverci un messaggio o chiamare direttamente il nostro ufficio di Urbino. Se preferite potete anche scriverci una mail a info@apatam.it

Chi siamo

Siamo un Tour Operator con sede a Urbino, ci chiamiamo Apatam come il nome della tettoia al centro dei villaggi dell’Africa occidentale. Lo abbiamo scelto per ricordare lo spirito dei nostri viaggi, quello di conoscere il mondo e di far sì che attraverso il viaggio si possano condividere con gli altri le proprie esperienze ed emozioni.
La nostra storia inizia quarant’anni fa, dal 1980 organizziamo viaggi culturali alla scoperta del mondo.

Il gruppo facebook dei viaggiatori Apatam

Iscriviti al gruppo @viaggiatoriapatam e incontra nuovi compagni di viaggio!

Entra nel gruppo!