Serbia e Montenegro

Verso l’Europa, alla scoperta di Serbia e Montenegro

dal 1 settembre al 9 settembre 2018
da € 2.150

Un viaggio alla scoperta del patrimonio naturalistico, storico, artistico e culturale nel cuore della vecchia Iugoslavia.

I nostri itinerari sono pensati per piccoli gruppi e prevedono un accompagnatore dall’Italia o una guida in loco che farà da cicerone. Scarica l’itinerario in pdf
Itinerario di viaggio
Partenza di gruppo 1 settembre 2018

1° giorno: Roma o Milano/Belgrado
Partenza per Belgrado con volo di linea. Arrivo in tarda mattinata. Il pomeriggio è dedicato alla visita di Belgrado: il Kalemegdan, elevato sulla foce del Sava nel Danubio con una vecchia fortezza e scavi archeologici. La parte vecchia della città ospita un quartiere bohemo Skadarlija con antichi edifici in stile balcanico e serbo come: la Residenza della Principessa Ljubica, la Donazione del capitano Misa, il Liceo di Dositej, la Cattedrale, la Moschea Bajrakli Dzamija. Visita del Tempio di San Sava, la più grande chiesa cristiana ortodossa nella Penisola Balcanica.

2° giorno: Novi Sad e Fruska Gora
Escursione a Novi Sad, città chiamata anche la “Gibilterra sul Danubio”. La fortezza di Petrovaradin che la domina è una delle più note fortezze d’Europa. A circa 10 km da Novi Sad, visita di Sremski Karlovci con l’imponente edificio che ospita la Sede del Patriarcato. La cittadina si trova a ridosso del Parco Nazionale di Fruska Gora che ospita i tigli più alti d’Europa e 700 specie di erbe medicinali oltre a diciassette monasteri. Visita del monastero Krusedol e quello di Novo Hopovo.

3° giorno: Belgrado/Viminacium/Ravanica/Kraljevo
Partenza per Kraljevo. Sosta per la visita del sito archeologico di Viminacium, importante città dell’impero romano. Proseguimento con la visita del Monastero di Manasija, nei pressi di Despotovac e del monastero di Ravanica.

4° giorno: Kraljevo/Studenica/Sopocani/Kolasin
Visita di alcuni tra i più importanti monasteri della Serbia: il Monastero di Studenica e del Monastero Sopocani, entrambi patrimonio UNESCO. Passaggio della frontiera per l’ingresso in Montenegro. Proseguimento per Kolasin, località di montagna a 954 m di altitudine e sistemazione in resort.

5° giorno: Kolasin/Moraca/Ostrog/Budva
Partenza per Budva. Visita del Monastero di Moraca che conserva una collezione di icone di grande valore. Visita del Monastero di Ostrog, la più nota località di pellegrinaggio dell’area balcanica. Arrivo a Budva e sistemazione in hotel. Passeggiata serale tra le strette viuzze della cittadella con palazzi costruiti in pietra, la piazza principale e tanti negozietti.

6° giorno: Kotor e Isole Perast
Giornata di escursione a Kotor e alle isole Perast. Tra i monumenti più significativi del centro storico c’è sicuramente la Cattedrale di S. Trifone. Visita della Chiesa di San Luca, la Chiesa di Sant’Anna e la Chiesa di Santa Maria. Si possono anche ammirare il palazzo del Rettore, il teatro di Napoleone e le bellissime piazze che sono punto di incontro delle viuzze che attraversano la città. Escursione in battello alle Isole di Perast. Si naviga nei pressi dell’isola di San Giorgio che accoglie un’abbazia benedettina, importante centro di irradiazione culturale nel Medioevo. Si visita anche l’isola dello Scalpello, dove sorge il Santuario della Madonna dello Scalpello. Rientro a Budva e visita della cittadella medievale.

7° giorno: Budva/Cetinje/Kolasin
Salendo attraverso i tornanti che si arrampicano sul Monte Lovcen, si ammira uno dei panorami più belli del Montenegro con visuale aperta su tutta la baia di Budva e le bocche del Cattaro. Sosta al Mausoleo di Njegos (salita a piedi, 380 scalini) e visita della città di Cetinje, ex capitale del Montenegro.Visita del monastero di Cetinje, del Palazzo Reale e proseguimento per Kolasin. Arrivo e sistemazione in resort.

8° giorno: Kolasin/Kraljevo
Giornata di trasferimento a Kraljevo, facendo ritorno in Serbia. Sosta per la visita del Monastero di Djurdjevi Stupovi situato nelle vicinanze di Novi Pazar su una piccola altura di forma conica. Proseguimento per Krajevo. 

9° giorno: Kraljevo/Zica/Manasija/Belgrado/Roma o Milano
Visita al monastero di Zica che ha ospitato il primo Patriarcato serbo. Partenza per Belgrado e sosta per visitare la Chiesa di San Giorgio a Oplenac. Trasferimento in aeroporto e partenza per Roma con volo di linea. L’arrivo è previsto in serata.

Risposte alle domande più frequenti

Occorre il passaporto valido almeno 6 mesi dalla partenza. In alternativa è sufficiente la Carta d’Identità di tipo elettronico valida per l’espatrio. È sufficiente inviare una copia del documento con cui si intende effettuare il viaggio. Non sono necessari visti.

Non ci sono vaccinazioni obbligatorie. Per eventuali vaccinazioni consigliamo di consultare gli uffici sanitari competenti o il proprio medico curante. Al fine di evitare spiacevoli disturbi gastrointestinali è buona norma bere solo acqua imbottigliata, evitare di mangiare verdura cruda e sbucciare la frutta. E’ sempre bene portare con sé i medicinali ad uso personale.

La franchigia è di 1 collo da 20 kg per il bagaglio da stiva e 1 collo da 8 kg per il bagaglio da portare in cabina (55 cm x 35 cm x 25 cm).

I nostri viaggi sono adatti a tutte le età, ma particolarmente apprezzati dai viaggiatori più maturi dai 50 anni in su.

  • Volo di linea andata e ritorno in classe turistica
  • Tasse sul biglietto aereo (incluse € 60)
  • Trasferimenti da e per gli aeroporti a Belgrado
  • Trasporti
  • Hotel come da programma
  • Camera doppia con servizi
  • Pasti come da programma
  • Visite con guida
  • Ingressi
  • Accompagnatore dall’Italia con 10 paganti
  • Assicurazione medico – annullamento viaggio
  • Eventuali tasse locali
  • Spese personali
  • Acqua e bevande
  • Mance
La polizza assicurativa che inviamo prima del viaggio comprende l’assistenza medica e l’annullamento del viaggio. Leggi le condizioni assicurative complete cliccando quì

I due Paesi hanno lo stesso fuso orario dell’Italia.

Di seguito gli alberghi previsti:
 
  • Belgrado: Prag 4 stelle
  • Kraljevo: Turist 4 stelle
  • Kolasin: Bianca resort
  • Budva: Sajo 3 stelle

Il viaggio verrà effettuato con un nostro coordinatore dall’Italia e con guide locali parlanti italiano. L’itinerario stabilito non rientra nei classici percorsi turistici e in alcune località minori il turismo è stato introdotto di recente. Pertanto chiediamo a tutti i partecipanti un buono spirito di adattamento e collaborazione, nel caso dovessero insorgere disguidi o ritardi durante il viaggio.

Dal punto di vista climatico, i mesi di maggio/giugno e settembre/ottobre sono i migliori per visitare questi paesi. In questo periodo il clima è un inizio di estate, come da noi in Italia. Le temperature durante il giorno si aggirano sui 24/26 gradi mentre la sera e nelle prime ore del mattino è più fresco e le temperature possono scendere fino a 13/15 gradi. Sono possibili delle precipitazioni. Queste sono indicazioni di massima che generalmente rispecchiano gli standard del periodo, tuttavia negli ultimi anni in molti paesi, si verificano cambiamenti climatici improvvisi e imprevedibili. Pochi giorni prima della partenza, consigliamo di consultare il sito www.worldweather.org, dove cliccando sul Paese sono indicate le temperature effettive del periodo.

Consigliamo abiti comodi e informali. Occorrono abiti che solitamente si indossano in Italia in questo periodo dell’anno (capi leggeri per le ore centrali e qualche capo più pesante per la sera e le prime ore del mattino). Consigliamo pantaloni lunghi, scarpe comode per passeggiare, un impermeabile tipo K-Way oppure un ombrello, un copricapo e occhiali da sole.

La moneta ufficiale in Serbia è il Dinaro Serbo, mentre in Montenegro la moneta corrente è l’Euro. Per entrambi i paesi vanno bene Euro. Le principali carte di credito sono accettati ovunque.

Le mance sono in genere “facoltative”, ma ormai fanno parte di una “consuetudine” adottata da tutti i paesi, quindi ben accette da guide, autisti e facchini. Si consiglia di regolare nel modo abituale per l’autista e la guida locale. Una prassi coercitiva ma che si spiega e si giustifica, in parte, con il fatto che le guide ed autisti in genere hanno uno stipendio basso ed  integrano la loro diaria con le mance dei viaggiatori. In relazione ai viaggi precedenti, consigliamo di prevedere circa 5 Euro al giorno a persona da suddividere tra guide ed autisti.

La corrente elettrica utilizzata è quella standard europea da 220V a 240V erogata ad una frequenza compresa fra 50HZ e 60HZ. Le spine sono quelle di tipo europeo a due fori tondi (tipo presa tedesca).

Le basi militari e gli aeroporti non possono essere fotografati. Non ci sono limitazioni nel portare materiale fotografico, purché non sia di tipo professionale. Consigliamo di portare tutto l’occorrente dall’Italia.  

Contatti

Siamo a disposizione per ogni informazione e/o chiarimento sui programmi di viaggio. Ci piace avere un rapporto diretto con le persone e da sempre la nostra politica è vendere i viaggi direttamente, senza intermediari.
Potete scriverci un messaggio o chiamare direttamente il nostro ufficio di Urbino. Se preferite potete anche scriverci una mail a info@apatam.it

Chi siamo

Siamo un Tour Operator con sede a Urbino, ci chiamiamo Apatam come il nome della tettoia al centro dei villaggi dell’Africa occidentale. Lo abbiamo scelto per ricordare lo spirito dei nostri viaggi, quello di conoscere il mondo e di far sì che attraverso il viaggio si possano condividere con gli altri le proprie esperienze ed emozioni.
La nostra storia inizia quarant’anni fa, dal 1980 organizziamo viaggi culturali alla scoperta del mondo.

Il gruppo facebook dei viaggiatori Apatam

Iscriviti al gruppo @viaggiatoriapatam e incontra nuovi compagni di viaggio!

Entra nel gruppo!