Viaggiare in India, cosa vedere (seconda parte)

By in
2167
Viaggiare in India, cosa vedere (seconda parte)

Abbiamo visitato l’India meno conosciuta, ora vi accompagneremo alla scoperta della regione più colorata e fiabesca del Paese, la terra dei Maharaja, dei meravigliosi giardini, dei palazzi suntuosi, custode di città dalla storia millenaria.

India –Rajasthan, cosa vedere 

Partire per un viaggio in questa Regione, significa tuffarsi nell’India più viva e intensa.

Agra città

Agra è una vera opera d’arte che si estende per svariati ettari, ed è costituito da numerose stanze, giardini, terrazze, un enorme mercato a cielo aperto, un patio meraviglioso e la stanza del re dove si vede il Taj mahal.

Forte di Agra

Il forte di Agra, detto anche Il Forte Rosso, richiama L’amber Fort di Jaipu, ma ha una sua identità. Merita una visita, anche perché mostra l’alto livello raggiunto dall’arte di quel periodo: le opere all’interno del Forte sono una sintesi di arte persiana, europea e indiana che portò allo sviluppo dello stile Shahjahani particolarmente ricco per forme, espressioni e colori.

Taj Mahal (Agra)

Il mausoleo di Taj Mahal si trova ad Agra ed è un posto fuori dal comune. Annoverato tra le 7 meraviglie del Mondo, la sua sagoma si staglia maestosa nel cielo e lascia senza parole. L’opera è realizzata in marmo bianco, ma a seconda dell’orario la luce del sole dona all’edificio principale un colore diverso. Per questo molti consigliano di visitarlo all’alba e al tramonto, per apprezzare le sfumature.

Jaipur città

Jaipur è la capitale del Rajasthan. È chiamata “città rosa” per il caratteristico colore dei suoi edifici nel quartiere vecchio. Città frenetica, caotica, piena di contrasti e colori, ospita meravigliosi edifici dal City Palace all’Hawa Mahal simboli iconici della città, da non perdere. Qui e nei dintorni si trovano luoghi noti e meno noti che meritano di essere visitati, tra i quali spicca il palazzo Amber.

Palazzo Amber o Amber Fort (Amer)

Luogo che sembra ricordare paesaggi e castelli del più fantasioso scrittore fantasy, l’Amber Fort ha il caratteristico colore arancio-giallo, glorioso retaggio di Jaipur nel Rajasthan. È stato inserito nel patrimonio mondiale dell’UNESCO dell’India, la visita in questo forte fa rivivere i fasti in cui i maharaja conducevano la loro esistenza.

L’osservatorio di Jaipur

Se vi siete proposti di entrare nello spirito dell’India e delle persone che nel tempo ne hanno fatto ciò che è oggi, allora siete nel posto giusto. Il Jantar Mantar, l’osservatorio astronomico di Jaipur, è il più grande e meglio conservato del Paese. È una vera meraviglia della scienza, simbolo dell’incontro di culture e saperi dell’India del XVIII secolo. Nulla vi parlerà del finito, ma solo dell’infinito, il tempo servirà solo a misurare l’eternità e vi sentirete nello stesso tempo insignificanti nell’immenso cosmo e tuttavia elementi indispensabili e necessari per la stessa esistenza dell’universo. Lasciatevi trasportare e inizierà un viaggio irripetibile.

Forte Junagarh

il Junagarh Fort è la principale attrazione di Bikaner, ma non incombe minaccioso sul resto della città. Sorge tranquillo sulla strada, separato solo da un fossato. I suoi ambienti sono strepitosi, su tutti l’Anup Mahal, una sala utilizzata dal maharaja per le udienze, con pareti laccate di rosso rubino ed oro, ed il Badal Mahal con pareti decorate di azzurro intenso. Raffinati i cortili interni e gli appartamenti del maharaja. Le sale e la camera del Maharaja ci riportano a un’epoca lontana ed affascinante e di grande impatto è il contrasto tra pietra rossa, marmo bianco e gli stupendi i soffitti dorati.

Città di Jaisalmer

La città di Jaisalmer ha un fascino tutto suo. Come quasi tutte le città del Rajasthan, anche Lei ha un passato glorioso che si lega alla storia dei Rajput. La città è stata fondata dal Raja Rawal Jaisal, da cui ha preso il nome nel lontano 1156 AD ed era parte della celeberrima Via della Seta. Jaisalmer, ancora oggi, conserva intatto il fascino di una città medievale, con i suoi vicoli stretti di color giallo ocra, abbelliti dalle coloratissime saree delle donne intente a chiacchierare o dai dipinti delle divinità induiste sui muri di arenaria.

Il Festival nel deserto (Jaisalmer)

Ogni anno a febbraio c’è un festival che si svolge nella bellissima città di Jaisalmer, nel mese indù di Magh, tre giorni prima della luna piena. Il festival è celebrato tra le bellissime dune del deserto del Thar, animato da spettacoli di burattini, danze e musiche che accompagnano ballate e da cantastorie che rievocano le gesta eroiche dei condottieri Rajput.

Mehrangarh Fort (Jodhpur)

Il Mehrangarh Fort corona una collina rocciosa che sale sopra la pianura circostante e sembra comandare e mescolarsi con il paesaggio con una fantastica vista sulla città vecchia di Jodhpur la città blu, così chiamata per il colore delle vecchie abitazioni. Si tratta di una delle più grandi fortezze del Rajasthan e conserva nel suo museo molti oggetti simbolo della storia del forte dell’India e della vita degli indiani.

Città di Udaipur

La Compagnia delle Indie Orientali aveva soprannominato Udaipur il luogo più romantico del continente indiano. Se da bambini avessimo potuto indicare un luogo in cui ritrovare quello che la fantasia aveva immaginato sentendo le storie narrate da “Le mille e una notte”, avremmo scelto senz’altro Udaipur. Con i suoi palazzi fiabeschi, i templi suggestivi, le ricche haveli e strade strette e tortuose, in cui i frenetici ritmi indiani delle grandi città sembrano su un altro pianeta.

City Palace

Il magnifico City Palace di Udaipur è la sede di un museo che porta il viaggiatore indietro nel tempo. Costruito in granito e marmo è circondato da mura fortificate merlate. È il più grande complesso di palazzi del Rajasthan.

Potete prendere spunto anche dai nostri itinerari di ottobre e gennaio, o cercare l’ispirazione per i vostri prossimi viaggi sul nostro profilo instagram.

Messaggia su Messenger Messaggia su WhatsApp
54321
(0 votes. Average 0 of 5)
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *